Prefazione

Mi sono sempre ritenuta una ragazza piacevole ma non piacente. Molte persone dicono il contrario ma ho sempre avuto una bassa autostima. Forse è per questo che ho deciso di fare come lavoro la consulente di immagine. In qualche modo serviva più a me stessa che agli altri. Cronicamente ritardataria, sincera e spensierata. Non avevo mai vissuto un vero amore, non sapevo cosa significasse amare realmente qualcuno. Probabilmente fino a quel momento, mi ero basata al voler bene. Quando conobbi lui, Omar, l’uomo che cambiò totalmente la mia vita e la visione di essa, tutto prese una direzione diversa. Aspettavo da tempo un amore che mi facesse vibrare l’anima e un giorno inaspettato, arrivò: capelli castani, carnagione scura, occhi blu, labbra carnose, fisico perfetto. Avrebbe fatto innamorare qualsiasi donna. Ma le cose non vanno sempre come le abbiamo immaginate. Ci sono imprevisti, intoppi che non avevamo preso in considerazione. Oggi mi domando: serve a qualcosa fare dei progetti? Decidere di sposarsi?  Di avere dei figli? Programmare la propria vita? Ci sono circostanze che non possiamo comandare, noi possiamo solo lanciare i dadi, ma lo svolgimento degli eventi delle volte viene modificato da una mano invisibile. Nello stesso momento in cui mi stavo innamorando, qualcuno dietro le quinte stava architettando altri progetti per me. Ed eccomi di nuovo sola, a trovare un senso alla vita, se mai l’avessi trovata. Avvolta da un vortice di negatività e tristezza dal quale non riuscivo a risalire. Il destino però è così imprevedibile, che le circostanze arrivano improvvise, senza avvisare. Mi chiedevo se un giorno avessi rivisto la luce. Quel bagliore caldo che mi aveva scaldato il cuore come la prima volta. E come un pescatore in balia delle onde, vagavo senza una meta alla ricerca di un nuovo faro da raggiungere e una riva su cui approdare.
PROSSIMA USCITA: 18 MAGGIO
 
IN PREVENDITA SUL SITO SANTELLI EDITORE:
https://www.santellieditore.it/product/destini-separati/

2 pensieri riguardo “Prefazione”

  1. A dir il vero e’ una scena di un “romanzo” a cui tutti o quasi apparteniamo se non fosse per l’intelletto che ci fa’ contraddistinguere dall’uno all’altro e se non fosse per la ragionevolezza che ci guida saremo tutti in balia delle onde piu’ tempestose…Alcuni tratti-caratteriali,e morali…fanno pensare ad una persona che sa’ quello che effettivamente vuole; il passaggio di dietro le quinte…per esempio,e’ proprio indice di una speculare e peculiarita’ importante: secondo il mio punto di vista…non era quella la persona con cui aveva immaginato di vivere,posso anche sbagliarmi!

    1. Ciao Antonio, grazie per il tuo commento. Purtroppo non posso preannunciarti nulla, ma se lo leggerai ti renderai conto che la storia si articola in modo diverso 😊 Se deciderai di leggerlo fammi sapere cosa ne pensi.
      Sonia Cardia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *